martedì 31 gennaio 2023

PER NON DIMENTICARE… LA SHOAH

 

Il termine Shoah indica lo sterminio nei campi di concentramento, sparsi in tutto il mondo, da parte dei tedeschi nei confronti degli ebrei, omosessuali, asociali, disabili, bambini e anziani.

Furono massacrati circa 6 milioni di persone tra fucilate,  camere a gas e forni crematori mentre sono solo circa 7 mila le persone sopravvissute. Il tutto avvenne durante il regime nazista, con a capo Adolf Hitler, tra il 1933 e 1945. Uno dei principali campi di concentramento ha sede ad Oswiecim (in tedesco  Auschwitz) dove durante la seconda guerra mondiale, tra il 1940-44, furono sterminati più di 1 milione di prigionieri per la maggioranza di origine ebraica. Le persone venivano deportate nei campi dopo un lungo viaggio in treno. All’entrata, ancora oggi, possiamo notare una scritta al di sopra del cancello: “Arbeit macht frei”, il lavoro rende liberi.

Appena arrivati si scendeva in fila indiana in silenzio e, in caso di ribellione, si veniva uccisi subito. Dopo di che, uomini e donne venivano separati e si recavano nelle proprie baracche dove veniva loro assegnato un posto per dormire e dove avevano un proprio compito. Le donne smistavano gli abiti confiscati e gli uomini svolgevano lavori forzati. Agli anziani e i bambini toccava subire esperimenti, e se erano malati, venivano direttamente uccisi. Numerose testimonianze ci sono oggi grazie a quelli che sopravvissero al campo di concentramento, tra i quali possiamo individuare Primo Levi, un superstite all’accaduto e autore di due famosi libri: Se questo è un uomo (1947) e La tregua (1963). Altre testimonianze riguardano il diario di Anne Frank, una ragazza che scappò ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, per sfuggire alle persecuzioni tedesche e si nascose in un rifugio insieme alla sua famiglia, oggi diventato un museo.

Morì nel lontano 1945 nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. In quel periodo furono scritte diverse canzoni tra le quali la più celebre Gam Gam. Per non dimenticare furono girati anche tantissimi film riguardanti questa tematica: La vita è bella con Roberto Benigni il quale vinse l’ambito premio Oscar per la migliore recitazione proprio con questo film.

E’ stato molto difficile per noi trovare le giuste parole per descrivere questa tragica situazione ma è giusto NON dimenticare questa data che ricorre il 27 gennaio di ogni anno proprio perché moltissime persone hanno sofferto vivendo in condizioni disumane mangiando poco e lavorando ogni secondo della giornata fino a stremarsi.

Alessandro Manzi, Luigi Pio Liberti e Diego Stefanile 3 H

In occasione della giornata della memoria 2023.


venerdì 13 gennaio 2023

OPEN DAY SPAGNOLO a.s.2022-23


Il 17 dicembre 2022 presso la scuola secondaria di I grado "Merliano-Tansillo" di Nola, è stato organizzato un open day per presentare agli alunni delle scuole primarie le attività che offre la nostra scuola. Per questa giornata tutti gli alunni della scuola sono stati invitati a creare piccoli gadget da regalare ai  bambini di quinta elementare. 

La nostra classe ha partecipato con entusiasmo all’open day creando: girandole, segnalibri, calamite, nacchere, bandiere ed espositori. 


Inoltre abbiamo accolto i bambini con due personaggi della cultura e tradizione spagnola: la ballerina di flamenco con il suo vestito dai colori accesi e il suo ventaglio, e il “mexicano” con il suo sombrero e il suo poncho colorato.

La ballerina ha intrattenuto i bambini con un ballo tipico spagnolo, il flamenco:  un ballo molto espressivo dove ogni parte del corpo ha un ruolo preciso e un passo da fare in modo coordinato con il resto del corpo; intanto il mexicano ha mostrato ai bambini vari giochi in spagnolo sulla lavagna digitale, facendoli divertire a collegare il lessico alle immagini.

Noi alunni ci siamo divertiti molto insieme alla nostra  professoressa di spagnolo Bove e ai bambini che abbiamo accolto.

Troviamo questa esperienza davvero magnifica e consigliamo a tutti almeno  una volta di provare a partecipare ad un open day della propria scuola.

Mariarca Cristiano, Margherita Franzese, Felicia Marotta, Antonio Savino classe 3N